Una delle principali attrazioni della capitale ungherese sono le terme, se ne contano diverse e durante il nostro viaggio abbiamo avuto modo di visitarne alcune che non sono dichiaratamente gay ma una in particolare ha riservato delle sorprese.

Ora ti svegliamo le nostre terme a Budapest, dove è importante portare sempre con te un telo, le ciabatte e il costume. Il prezzo d’ingresso è accessibile e se sei in possesso della Budapest Card, in alcune hai diritto a degli sconti.

Bagni Kiraly

Meno conosciuti e un fatiscenti, costruiti nel 1565 sono dei bagni di epoca turca e situati nel centro di Budapest. L’accesso è uno dei più economici, il biglietto di ingresso è di circa € 9,00 a persona con la cabina personale.

Ai bagni Kiraly l’accesso è comune per uomini e donne, quindi in qualsiasi giorno della settimana andrai ti ritroverai circondato dai bei manzi ma anche dal gentil sesso. I bagni necessitano di un’importante ristrutturazione, in particolare nella zona delle docce.

Durante la nostra permanenza a farci compagnia abbiamo individuato una coppia di amici e il più virile in diverse occasioni si è dimostrato interessato al genere.

Bagni Gellert

Senza ombra di dubbio, i bagni Gellert sono i bagni più belli di Budapest. Situato a breve distanza dal Mercato Centrale e facilmente raggiungibile con il tram è un grande complesso in cui l’art nouveau la fa da padrona. L’ingresso di circa € 17,00 a persona è il più caro di quelli provato ma che ti consigliamo di provare per goderti un pomeriggio circondato di bellezza.

In questo bagno è disponibile anche una piscina (ricordati la cuffia è obbligatoria) e diverse aree relax, molto frequentato dagli italiani non ha rivelato particolari bellezze da ammirare.

Bagni Lukacs

In uno dei pomeriggi più freddi, siamo corsi in questo piccolo bagno un po’ più distante dai più celebri, dato anche dalla possibilità di accedervi gratuitamente usufruendo della Budapest Card. Il bagno ha anche due piscine all’esterno la cui temperatura di 20° circa ti sembrerà calda, permettendoti di concederti una nuotata all’esterno in pieno inverno e magari sotto la neve.

I bagni Lukacs sono molto frequentati, l’accesso è libero e in alcuni momenti abbiamo avuto difficoltà ad accedere a qualcuna delle vasche ma gli sguardi non mancano.  

Bagni Rudas

I più affascinanti bagni di Budapest, i bagni Rudas sono stati i nostri preferiti per il fascino della piscina termale e della storia, costruiti più di 450 anni fa, durante l’occupazione ottomana. Durante la settimana, l’ingresso per gli uomini e le donne è alternato, controlla sempre sul sito ufficiale e l’accesso ha un costo di circa € 12,00. Il costume non è obbligatorio nei giorni per gli uomini perché all’ingresso vi viene dato un piccolo telo per coprire le parti intime ma non il lato posteriore J questo perché è proibito girare nudi.

I bagni Rudas, non sono dichiaratamente dei bagni gay ma può facilmente accadere di essere avvicinato da un orso che voglia rilassarsi, in particolare il venerdì. A noi è accaduto di essere avvicinati da un bell’orso ungherese dopo diversi giochi di sguardi e aver ammirato i diversi culi di passaggio. Ci siamo tornati diverse volte!

Adesso hai compreso perché ci sono piaciuti i bagni di Budapest. Ricorda che il costo di accesso non è accessibile per i locali, tant’è che durante la settimana sono frequentati più che altro dai turisti, ma arrivato il week-end si riempiono di orsi da ammirare e perché no, assaporare!

Tutte le foto sono tratte da Google Immagini

Commenta con Facebook